#Recensione,

Recensione - Assalto a Villa del Lieto Tramonto di M. Lindgren

venerdì, marzo 31, 2017 Baba Desperate Bookswife 4 Comments

Il libro
Assalto a Villa del Lieto Tramonto di Minna Lindgren 
Editore: Sonzogno| Pagine: 231| Pubblicazione: 2017|Prezzo 16,50€| Trama Qui
Genere: Young Adult
               
Notizie sull'autrice
Minna Lindgren è giornalista, melomane e vive a Helsinki. Assalto a Villa del Lieto Tramonto è il terzo episodio della sua fortunata trilogia, già tradotta in 11 paesi.
Ecco le mie recensioni relative ai capitoli precedenti:
Recensione

Ci sono tre vecchiette finlandesi che popolano una trilogia alquanto interessante, loro sono: Irma, Siiri e Anna- Liisa. Nella vita ne hanno viste di cotte e di crude, infatti il traguardo dei cento anni tondi tondi non è poi così lontano. Loro risiedono in una casa di riposo, Villa del Lieto Tramonto, un posto costoso ma studiato con cura nei minimi particolari in modo da rendere piacevoli gli ultimi anni dei preziosi residenti (o forse no?).
Dopo una importante ristrutturazione sono stati apportati davvero moltissimi cambiamenti, ovvero tutto è automatizzato, robotizzato, computerizzato e chi più ne ha, ne metta. Sono spariti gli esseri umani e sono comparse pareti intelligenti che recitano salmi e sermoni, non ci sono infermiere ma dispencer di medicine, di inservienti non se ne incontrano manco a pagarli ma di robottini pulisci-tutto ce ne sono a bizzeffe. In compenso però passeggiano indisturbati i "volontari", ovvero persone in carne e ossa che predicano tutto il giorno e impartiscono lezioni sulla fede e compagnia bella.
Qualcosa di losco c'è, sopratutto quando con insistenza questi uomini religiosi chiedono donazioni volontarie a favore dell'associazione. Le tre arzille amiche potranno mica farsi i fatti loro?
Questo è un altro di quei romanzi che lascia il segno sulla mia pelle. L'autrice ridendo e scherzando racconta moltissime verità, nel caso di questo libro, la scarsa tutela delle persone anziane.
Un posto come una casa di riposo, che dovrebbe essere un riferimento, un porto sicuro, diventa un vero e proprio campo di battaglia, dove i poveri residenti, che hanno l'unica colpa di avere troppi anni sulle spalle e ben pochi familiari a controllare i loro affari, sono delle prede facili, anche troppo.
Per la terza volta sono entrata nella Villa, ho sorseggiato un bicchiere di rosso insieme ad Irma,  ho corretto congiuntivi con ad Anna Liisa, mi sono arrabbiata con Jerry Testadirapa e ho insultato Sirkka la beghina come se non ci fosse un domani.
Poi ho acchiappato un fazzoletto e mi sono asciugata un paio di lacrimuccie, che sono spuntate senza dir niente a nessuno. L'autrice strappa parecchi sorrisi ma non nega al lettore il naturale ciclo della vita, che anche se normale, sotto certi punti di vista è assai triste.  Le protagoniste nonostante trasportino quotidianamente come bagaglio gli anni e la stanchezza, non rinunciano alla combattività che le contraddistingue e non si lasciano mettere i piedi in testa, fosse l'ultima cosa che da fare prima di passare a miglior vita.
Se vi siete persi questa serie tutta nordica non perdete tempo e recuperate i precedenti capitoli, lo stile non è dei più veloci, ma la storia e il significato valgono la pena!
Punti forti:
- Beh senza dubbio le protagoniste: ancora una volta i loro siparietti sdrammatizzano la situazione, la loro forza ci dimostra che si lotta sempre per i proprio diritti, indipendentemente dall'età e da chi ci circonda.
- Questo è un libro che nonostante descriva una situazione assolutamente esagerata, denuncia tra le righe la condizione di alcuni anziani, abbandonati alla loro senilità.
Punti deboli:
- Il ritmo è abbastanza lento e un pochino prolisso, ma come ho già scritto, secondo il mio punto di vista questa storia è così ricca che...non importa, nonostante io ami letture più dinamiche.



You Might Also Like

4 commenti:

  1. Risposte
    1. Non lo definirei un giallo, però un po' di mistero c'è sempre! Leggili patrizia!!!!

      Elimina
  2. Sono appassionata di libri sulle vecchiette (da Miss Marple in poi) e ho preso il primo libro della trilogia in ebook. Ora non mi resta che leggerlo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ohhh! Benissimo :-) spero che ti piacerà, fammi sapere!!

      Elimina